Marina Cvetaeva. La sua sofferenza tradotta in lesioni formali