Novecento napoletano: Eduardo, Enzo e gli altri