Il dibattito in letteratura sulla validità dell’utilizzo della relazione tra finanza interna ed investimenti per testare la presenza di vincoli finanziari è ancora irrisolto. In questo lavoro ci proponiamo di affrontare il problema combinando dati di bilancio ed informazione qualitativa proveniente dalla banca dati Mediocredito in uno studio sul razionamento del credito e i vincoli finanziari in Italia. L’informazione qualitativa a nostra disposizione rivela che il razionamento e i vincoli finanziari (dichiarati dalle imprese) riguardano una quota piuttosto limitata delle imprese intervistate. Essi sono significativamente correlati con i predittori di rischio di credito, da noi costruiti sulla base di alcuni lavoratori fondamentali in letteratura, e con variabili di “discriminazione” come dimensione, età, investimento in R&S e localizzazione nel Mezzogiorno. La combinazione dell’informazione qualitativa con quella dei dati di bilancio viene poi utilizzata per fare luce sul puzzle del rapporto tra vincoli finanziari e relazione tra investimenti e finanza interna. I nostri risultati dimostrano che, mentre la dichiarazione qualitativa di razionamento discrimina efficacemente tra gruppi di imprese con maggiore e minore sensibilità degli investimenti alla finanza interna, lo stesso non accade quando si utilizzano come criteri discriminanti o la dichiarazione di vincoli finanziari o le variabili tradizionali con impatto significativo sulla dichiarazione di razionamento (dimensione,età, investimento in R&S e localizzazione nel Mezzogiorno).

Razionamento del credito, vincoli finanziari, relazione tra investimenti e finanza interna in Italia

CASTELLI, Annalisa
2005

Abstract

Il dibattito in letteratura sulla validità dell’utilizzo della relazione tra finanza interna ed investimenti per testare la presenza di vincoli finanziari è ancora irrisolto. In questo lavoro ci proponiamo di affrontare il problema combinando dati di bilancio ed informazione qualitativa proveniente dalla banca dati Mediocredito in uno studio sul razionamento del credito e i vincoli finanziari in Italia. L’informazione qualitativa a nostra disposizione rivela che il razionamento e i vincoli finanziari (dichiarati dalle imprese) riguardano una quota piuttosto limitata delle imprese intervistate. Essi sono significativamente correlati con i predittori di rischio di credito, da noi costruiti sulla base di alcuni lavoratori fondamentali in letteratura, e con variabili di “discriminazione” come dimensione, età, investimento in R&S e localizzazione nel Mezzogiorno. La combinazione dell’informazione qualitativa con quella dei dati di bilancio viene poi utilizzata per fare luce sul puzzle del rapporto tra vincoli finanziari e relazione tra investimenti e finanza interna. I nostri risultati dimostrano che, mentre la dichiarazione qualitativa di razionamento discrimina efficacemente tra gruppi di imprese con maggiore e minore sensibilità degli investimenti alla finanza interna, lo stesso non accade quando si utilizzano come criteri discriminanti o la dichiarazione di vincoli finanziari o le variabili tradizionali con impatto significativo sulla dichiarazione di razionamento (dimensione,età, investimento in R&S e localizzazione nel Mezzogiorno).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/18989
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact