Il saggio esamina una specifica scrittura greca in uso nell'Italia meridionale bizantina fra X e XI secolo. Rileggendo la letteratura scientifica esistente, si affrontano questioni di carattere metodologico relative alla classificazione delle minuscole librarie bizantine, si formulano ipotesi di interpretazione del fenomeno sulla base dello studio di un certo numero di manoscritti opportunamente selezionati e si suggeriscono nuove e ulteriori prospettive di ricerca.

La scrittura ad "asso di picche" cinquant'anni dopo. Una nota con qualche riflessione

Edoardo Crisci
2021

Abstract

Il saggio esamina una specifica scrittura greca in uso nell'Italia meridionale bizantina fra X e XI secolo. Rileggendo la letteratura scientifica esistente, si affrontano questioni di carattere metodologico relative alla classificazione delle minuscole librarie bizantine, si formulano ipotesi di interpretazione del fenomeno sulla base dello studio di un certo numero di manoscritti opportunamente selezionati e si suggeriscono nuove e ulteriori prospettive di ricerca.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
LA 21 - Miscellanea Canart - Crisci.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 4.27 MB
Formato Adobe PDF
4.27 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/91559
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact