Nuove considerazioni sullo ‘scrittoio’ di Marsilio Ficino: tra paleografia e filologia