La valutazione della varia lectio che emerge dalla tradizione manoscritta del Chevalier au lion di Chrétien de Troyes, in relazione con quella di alcuni significativi passi di altri romanzi di Chrétien de Troyes (Cligès, Conte du Graal), consente di osservare come l’attività di copisti operativi sui rami più bassi dello stemma, ma ragionevolmente anche di quelli responsabili delle copie di cui costoro si avvalgono, rifletta processi ermeneutici che mirano a sintonizzare il lettore con una precisa idea del romanzo e delle sue ragioni profonde.

Variazione e interpretazione nella tradizione manoscritta del Chevalier au lion di Chrétien de Troyes (vv. 1343-1513)

FUKSAS, Anatole Pierre
2016

Abstract

La valutazione della varia lectio che emerge dalla tradizione manoscritta del Chevalier au lion di Chrétien de Troyes, in relazione con quella di alcuni significativi passi di altri romanzi di Chrétien de Troyes (Cligès, Conte du Graal), consente di osservare come l’attività di copisti operativi sui rami più bassi dello stemma, ma ragionevolmente anche di quelli responsabili delle copie di cui costoro si avvalgono, rifletta processi ermeneutici che mirano a sintonizzare il lettore con una precisa idea del romanzo e delle sue ragioni profonde.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Fuksas_per_MArco_piccat_2016.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 145.11 kB
Formato Adobe PDF
145.11 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/58832
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact