Il più crudele dei mesi. Don Fabrizio, Garibaldi e la malinconia