L’oggetto della ricerca è la fruizione del bello estetico come risorsa per l’educazione della persona. In un mondo senza bellezza, senza gusto estetico anche il buono ha perso molto la sua forza di attrazione : un’opera bella è tale in quanto degna dell’uomo, e nella quale l’uomo si esprime al meglio. Troppo spesso e troppo a lungo la contemplazione estetica è stata vista come momento passivo di una modalità di porsi in relazione con l’oggetto esterno. La fruizione estetica, al contrario, rappresenta l’attivazione di meccanismi psichici (l’empatia innanzitutto) che portano a formare schemi mentali e comportamenti concreti di apertura, di ascolto e di comprensione dell’altro. Valorizzare tale opportunità da un punto di vista pedagogico significa soprattutto fornire modalità concrete ed operative per uscire fuori da discorsi teorici o troppo improntati al buonismo etico-pedagogico o eccessivamente espressivi di realtà e situazioni sperimentate nei loro necessari confini e limiti, ma che di per se stesse non potranno più ripetersi, né potranno essere lo specchio di situazioni sempre nuove e quasi sempre imprevedibili con le quali confrontarsi.

Esperienza estetica ed educazione umana

STARNINO, Bernardo
2010

Abstract

L’oggetto della ricerca è la fruizione del bello estetico come risorsa per l’educazione della persona. In un mondo senza bellezza, senza gusto estetico anche il buono ha perso molto la sua forza di attrazione : un’opera bella è tale in quanto degna dell’uomo, e nella quale l’uomo si esprime al meglio. Troppo spesso e troppo a lungo la contemplazione estetica è stata vista come momento passivo di una modalità di porsi in relazione con l’oggetto esterno. La fruizione estetica, al contrario, rappresenta l’attivazione di meccanismi psichici (l’empatia innanzitutto) che portano a formare schemi mentali e comportamenti concreti di apertura, di ascolto e di comprensione dell’altro. Valorizzare tale opportunità da un punto di vista pedagogico significa soprattutto fornire modalità concrete ed operative per uscire fuori da discorsi teorici o troppo improntati al buonismo etico-pedagogico o eccessivamente espressivi di realtà e situazioni sperimentate nei loro necessari confini e limiti, ma che di per se stesse non potranno più ripetersi, né potranno essere lo specchio di situazioni sempre nuove e quasi sempre imprevedibili con le quali confrontarsi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
4aBozza-Starnino_Cap4eAutori.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 157.13 kB
Formato Adobe PDF
157.13 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/20138
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact