Il Ciclope di Euripide: riflessioni di un traduttore occasionale