Guglielmo da Pastrengo, attivo nel XIV secolo, ebbe sicuramente a disposizione un codice catulliano conservato nella Cattedrale di Verona. L'analisi delle tracce del Liber catulliano all'interno dell'opera di Guglielmo porta da un lato ad escludere che egli abbia conosciuto una variante 'differtus' in Catull. 12,9, dall'altro a stabilire con ragionevole certezza che le note marginali del codice Oxoniense di Catullo emanano in larga misura da un ambiente molto vicino a Guglielmo.

Guglielmo da Pastrengo e i codices Catulliani antiquiores: un riesame

MORELLI, Alfredo Mario
2013

Abstract

Guglielmo da Pastrengo, attivo nel XIV secolo, ebbe sicuramente a disposizione un codice catulliano conservato nella Cattedrale di Verona. L'analisi delle tracce del Liber catulliano all'interno dell'opera di Guglielmo porta da un lato ad escludere che egli abbia conosciuto una variante 'differtus' in Catull. 12,9, dall'altro a stabilire con ragionevole certezza che le note marginali del codice Oxoniense di Catullo emanano in larga misura da un ambiente molto vicino a Guglielmo.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Morelli per Gabriella.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 278.49 kB
Formato Adobe PDF
278.49 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/15536
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact