Il duomo di Orvieto nella seconda metà del Cinquecento: un modello per la pittura della Controriforma