L'uomo post-moderno tra deriva psicologista e "cultura della scorciatoia"