Dialetto, Stato e anarchia: Salvioni e Bakunin