Serie rimiche e intertestualità: la «donna del desiderio» dei primi trovatori