Verso il pensiero seriale: la "Fantasia e fuga per due pianoforti" di Bruno Maderna