Sulla stabilità delle regole di classificazione nelle reti neuronali