L’«assassin philanthrope» di Vercors dalla pagina alla scena