Ne _La vita quotidiana come rappresentazione_, Erwin Goffmann descrive il Sé come stratificazione identitaria, in cui al sotto della facciata pubblica altri aspetti della personalità apparentemente piu' veri traspaiono. Questi aspetti possono in realtà essere altrettanto costruiti e rivelati ad arte. A partire da questa concezione, l'articolo analizza la figura dell'eroe byroniano come stratificazione semantica (apparenza cortese, malcelato disprezzo per la volgarità umana, animo nobile solo in parte distorto dalle ingiustizie subite). Viene mostrato come questo modello letterario sia dialetticamente legato alla personalità del Byron pubblico come restituito dalla testimonianza della futura moglie Annabella Millbank. Viene mostrato come il ruolo di 'osservatore critico' che Annabella si attribuisce è in realtà una funzione prefigurata della figura dell'eroe byroniano, che ha il suo equivalente nel lettore ideale evocato nelle Turkish Tales come colui che può affermare la superiorità dell'eroe a fronte della condanna sociale a cui è soggetto. Infine viene illustrato come, se l'eroe byroniano è presentato e tradizionalmente studiato come individuo isolato in realtà è invariabilmente, nelle opere di Byron, un condottiero militare o leader rivoluzionario, un ruolo che complica la sua individualità con implicazioni politiche e sociali che ne evidenziano le contraddizioni rispetto alle tematiche della libertà e del rapporto con il corpo.

The Byronic Hero: Leadership and Theatricality

POOLE, Gabriele
2010

Abstract

Ne _La vita quotidiana come rappresentazione_, Erwin Goffmann descrive il Sé come stratificazione identitaria, in cui al sotto della facciata pubblica altri aspetti della personalità apparentemente piu' veri traspaiono. Questi aspetti possono in realtà essere altrettanto costruiti e rivelati ad arte. A partire da questa concezione, l'articolo analizza la figura dell'eroe byroniano come stratificazione semantica (apparenza cortese, malcelato disprezzo per la volgarità umana, animo nobile solo in parte distorto dalle ingiustizie subite). Viene mostrato come questo modello letterario sia dialetticamente legato alla personalità del Byron pubblico come restituito dalla testimonianza della futura moglie Annabella Millbank. Viene mostrato come il ruolo di 'osservatore critico' che Annabella si attribuisce è in realtà una funzione prefigurata della figura dell'eroe byroniano, che ha il suo equivalente nel lettore ideale evocato nelle Turkish Tales come colui che può affermare la superiorità dell'eroe a fronte della condanna sociale a cui è soggetto. Infine viene illustrato come, se l'eroe byroniano è presentato e tradizionalmente studiato come individuo isolato in realtà è invariabilmente, nelle opere di Byron, un condottiero militare o leader rivoluzionario, un ruolo che complica la sua individualità con implicazioni politiche e sociali che ne evidenziano le contraddizioni rispetto alle tematiche della libertà e del rapporto con il corpo.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Byronic Hero - Leadership and theatricality.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 6.38 MB
Formato Adobe PDF
6.38 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/11863
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact