«Sudditi d’un altro stato»? Gli ecclesiastici veneziani