Traduzione da Shakespeare, Sonetto XXXIII