Piero e Ada Gobetti: un lascito politico