L’VIII secolo è un momento cruciale per Montecassino, che si appresta a diventare un Anziehungspunkt, ‘luogo della mente’ capace di attirare re, vescovi, abati, monaci e missionari soprattutto dall’Italia settentrionale e dal Nord Europa. Il saggio ricostruisce e indaga la produzione artistica del monastero – soprattutto la committenza architettonica abbaziale e i primi prodotti dello scriptorium - nei suoi rapporti con la tradizione tardoantica, l’arte palatina longobarda, Roma e il mondo settentrionale, definendone i caratteri di continuità e di innovazione.

Montecassino nell'VIII secolo

OROFINO, Giulia
2010

Abstract

L’VIII secolo è un momento cruciale per Montecassino, che si appresta a diventare un Anziehungspunkt, ‘luogo della mente’ capace di attirare re, vescovi, abati, monaci e missionari soprattutto dall’Italia settentrionale e dal Nord Europa. Il saggio ricostruisce e indaga la produzione artistica del monastero – soprattutto la committenza architettonica abbaziale e i primi prodotti dello scriptorium - nei suoi rapporti con la tradizione tardoantica, l’arte palatina longobarda, Roma e il mondo settentrionale, definendone i caratteri di continuità e di innovazione.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
67493_UPLOAD.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: DRM non definito
Dimensione 5.05 MB
Formato Adobe PDF
5.05 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/9537
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact