Il diritto di banco in chiesa alla luce di una recente sentenza della corte di Cassazione