Fatto/valore: fine di una dicotomia?