L'edizione del Somnium Scipionis di R. Caldini Montanari segna un indubbio progresso per la costituzione del testo della parte finale del De republica ciceroniano. Tramandato da moltissimi codici, che testimoniano la grande fortuna di quella che è stata per secoli l'unica sezione nota del De republica, il Somnium ha subito una pesante contaminazione, specie in epoca più tarda. La Caldini è però riuscita, grazie ad una minuziosa analisi della trentina di codici altomedievali dell'opera effettuata nella vasta Introduzione, a dipanare le relazioni fra questi testimoni e a gettare le basi per una costituzione del testo non più basata prevalentemente sullo iudicium dell'editore, ma su una valutazione stemmatica dei testimoni altomedievali. La sua ricostruzione è nel complesso convincente e condivisibile, anche se alcune questioni di dettaglio restano più incerte, soprattutto in relazione alle vicende della trasmissione del testo in epoca carolingia. Grazie a questa nuova impostazione l'edizione del Somnium consegue degli indubbi progressi rispetto alle edizioni precedenti e le scelte editoriali dell'editrice si dimostrano quasi sempre equilibrate e corrette. Il vasto Commento al testo è di natura essenzialmente filologica e critico-testuale e consente alla Caldini di chiarire le ragioni delle sue scelte ecdotiche.

Tradizione medievale ed edizione critica del Somnium Scipionis (R. Montanari Caldini)

DE PAOLIS, Paolo
2008

Abstract

L'edizione del Somnium Scipionis di R. Caldini Montanari segna un indubbio progresso per la costituzione del testo della parte finale del De republica ciceroniano. Tramandato da moltissimi codici, che testimoniano la grande fortuna di quella che è stata per secoli l'unica sezione nota del De republica, il Somnium ha subito una pesante contaminazione, specie in epoca più tarda. La Caldini è però riuscita, grazie ad una minuziosa analisi della trentina di codici altomedievali dell'opera effettuata nella vasta Introduzione, a dipanare le relazioni fra questi testimoni e a gettare le basi per una costituzione del testo non più basata prevalentemente sullo iudicium dell'editore, ma su una valutazione stemmatica dei testimoni altomedievali. La sua ricostruzione è nel complesso convincente e condivisibile, anche se alcune questioni di dettaglio restano più incerte, soprattutto in relazione alle vicende della trasmissione del testo in epoca carolingia. Grazie a questa nuova impostazione l'edizione del Somnium consegue degli indubbi progressi rispetto alle edizioni precedenti e le scelte editoriali dell'editrice si dimostrano quasi sempre equilibrate e corrette. Il vasto Commento al testo è di natura essenzialmente filologica e critico-testuale e consente alla Caldini di chiarire le ragioni delle sue scelte ecdotiche.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
75580_UPLOAD.pdf

non disponibili

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: DRM non definito
Dimensione 2.23 MB
Formato Adobe PDF
2.23 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/8610
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact