Il modello di Petrarca nel dibattito linguistico tra Sette e Ottocento