Un sillabato tiptologico: tra Apollinaire e Ungaretti