Il mito della globalizzazione linguistica