Teodosio II, Giustiniano, Isidoro e il divieto di adoperare «siglae»