SULLA "COMPATIBILITA'" DELLE DELIBERAZIONI ASSEMBLEARI