GIULIANA IASCHI, "LE CILIEGIE SONO MATURE"