"La Voce" del 1909 e la "prostituzione" letteraria nei giornali