"IL FRINGUELLO CIECO" E LA 'SCIENZA DE LINGUAGGIO'