“Sottoscrizione meccanica” e “firma” dei titoli cambiari