I DUE "VERSANTI" DELLA NARRATIVA DI SEMINARA