TRA AMBIGUITA' E PARODIA: "LA DITTATURA" DI FORTUNATO SEMINARA