Il rifiuto scapigliato e lo scrittore “proibito”: Emilio Praga