Lo scrittore senza pubblico: Carlo Bini