"Survival", ovvero: ma la letteratura canadese è davvero così catastrofica?