Sulla teoria della rappresentanza politica in Italia tra le due guerre