Un grande scrittore da «ammirare e scusare»: Alfieri e Cicerone