"Come un bene ereditario". Costantino e la retorica dell'impero-patrimonio