La scrittura dei Padri della Chiesa tra autografia e dictatio