Nell'età Romanica nasce il movimento dei maestri marmorari che verranno poi conosciuti come Cosmati. La scuola cosmatesca ebbe i suoi inizi nel XII secolo ed operò principalmente a Roma fino al XIV secolo, l'inizio della sua decadenza può essere ricondotta al periodo nel quale la sede papale fu portata ad Avignone (1309-1377), ed al conseguente calo culturale e sociale della città di Roma. Nel periodo immediatamente successivo, cioè negli anni a cavallo tra il XIV e il XV secolo, iniziano i fermenti che condurranno alla grande stagione rinascimentale, e la figura del Maestro Marmoraro comincia irrimediabilmente a scindersi in due categorie ben distinte: l'artista che sarà scultore o architetto, e l'artigiano, relegato al ruolo di decoratore o intagliatore. I Cosmati rappresentano l'esempio tipico di una maestranza a carattere artigiano, nella quale l'esercizio e l'educazione artistica sono spesso ereditari e trasmissibili nell'ambito familiare; quindi restano caratteristici di un determinato gruppo certe preferenze per particolari tipi di schemi o per determinati disegni. Lo studio dei Maestri Cosmati e delle loro opere, viene effettuato mediante una classificazione per famiglie, e sotto i nomi dei componenti possono essere raggruppate varie opere, nel caso che esistano iscrizioni che conservino il nome dell'autore, oppure attribuirle al gruppo familiare sulla scorta dei caratteri stilistici e sulle scelte degli schemi geometrici decorativi.

Mosaici pavimentali cosmateschi: segni, disegni e simboli

CIGOLA, Michela
1993

Abstract

Nell'età Romanica nasce il movimento dei maestri marmorari che verranno poi conosciuti come Cosmati. La scuola cosmatesca ebbe i suoi inizi nel XII secolo ed operò principalmente a Roma fino al XIV secolo, l'inizio della sua decadenza può essere ricondotta al periodo nel quale la sede papale fu portata ad Avignone (1309-1377), ed al conseguente calo culturale e sociale della città di Roma. Nel periodo immediatamente successivo, cioè negli anni a cavallo tra il XIV e il XV secolo, iniziano i fermenti che condurranno alla grande stagione rinascimentale, e la figura del Maestro Marmoraro comincia irrimediabilmente a scindersi in due categorie ben distinte: l'artista che sarà scultore o architetto, e l'artigiano, relegato al ruolo di decoratore o intagliatore. I Cosmati rappresentano l'esempio tipico di una maestranza a carattere artigiano, nella quale l'esercizio e l'educazione artistica sono spesso ereditari e trasmissibili nell'ambito familiare; quindi restano caratteristici di un determinato gruppo certe preferenze per particolari tipi di schemi o per determinati disegni. Lo studio dei Maestri Cosmati e delle loro opere, viene effettuato mediante una classificazione per famiglie, e sotto i nomi dei componenti possono essere raggruppate varie opere, nel caso che esistano iscrizioni che conservino il nome dell'autore, oppure attribuirle al gruppo familiare sulla scorta dei caratteri stilistici e sulle scelte degli schemi geometrici decorativi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/6666
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact