“Castrum, quod Casinum dicitur, in excelsi montis latera situm est ", è la descrizione di Cassino data da Gregorio Magno nei suoi “Dialoghi” (Greg. Magno Dialog. II 2) che Dante riprende letteralmente “Quel monte a cui Cassino è ne la costa”, (Pd XXII 37). Il contributo si incentra sui resti della città romana di Casinum, particolarmente fiorente verso la fine della repubblica e poi in epoca imperiale, del cui passato rimangono resti della via Appia, dell’Anfiteatro e la tomba di Ummidia Quadratilla. Questo Parco Archeologico non è stato ancora a tutt’oggi analizzato e rilevato nella sua completezza, inoltre in esso sono recentissime alcune interessanti scoperte relative a parti di una villa romana di età imperiale che meritano studi approfonditi. L’approccio metodologico partirà dalla “narrazione figurativa” dei luoghi attraverso iconografica storica, per poi fare uso di tradizionali tecniche di rilievo, ed infine di nuove tecnologie caratterizzate dall’uso di Laser scanner. “Castrum, quod Casinum dicitur, in excelsi montis latera situm est ", this is the Cassino description made by Pope Gregory I in his “Dialoghi” (Greg. Magn. Dialog. II 2). Dante Alighieri takes up literally this description in his Divine Comedy “The mountain on whose slope Cassino lies” (Heaven XXII 37). The contribution focuses on the ruins of the Roman town of Casinum, flourishing in the late Republic and then in the Imperial age. Remains of this past are parts of the via Appia, the amphitheater and the tomb of Ummidia Quadratilla. This Archaeological Park is not yet fully analyzed and surveyed. Recently in the park were made interesting discoveries relating to parts of a Roman villa of the Imperial age which deserve serious study. The methodological approach starts from the description of places through historical iconography. The second step will be the survey with traditional techniques and with Laser scanner

Castrum, quod Casinum dicitur, in excelsi montis latera situm est.

CIGOLA, Michela;GALLOZZI, Arturo;
2016

Abstract

“Castrum, quod Casinum dicitur, in excelsi montis latera situm est ", è la descrizione di Cassino data da Gregorio Magno nei suoi “Dialoghi” (Greg. Magno Dialog. II 2) che Dante riprende letteralmente “Quel monte a cui Cassino è ne la costa”, (Pd XXII 37). Il contributo si incentra sui resti della città romana di Casinum, particolarmente fiorente verso la fine della repubblica e poi in epoca imperiale, del cui passato rimangono resti della via Appia, dell’Anfiteatro e la tomba di Ummidia Quadratilla. Questo Parco Archeologico non è stato ancora a tutt’oggi analizzato e rilevato nella sua completezza, inoltre in esso sono recentissime alcune interessanti scoperte relative a parti di una villa romana di età imperiale che meritano studi approfonditi. L’approccio metodologico partirà dalla “narrazione figurativa” dei luoghi attraverso iconografica storica, per poi fare uso di tradizionali tecniche di rilievo, ed infine di nuove tecnologie caratterizzate dall’uso di Laser scanner. “Castrum, quod Casinum dicitur, in excelsi montis latera situm est ", this is the Cassino description made by Pope Gregory I in his “Dialoghi” (Greg. Magn. Dialog. II 2). Dante Alighieri takes up literally this description in his Divine Comedy “The mountain on whose slope Cassino lies” (Heaven XXII 37). The contribution focuses on the ruins of the Roman town of Casinum, flourishing in the late Republic and then in the Imperial age. Remains of this past are parts of the via Appia, the amphitheater and the tomb of Ummidia Quadratilla. This Archaeological Park is not yet fully analyzed and surveyed. Recently in the park were made interesting discoveries relating to parts of a Roman villa of the Imperial age which deserve serious study. The methodological approach starts from the description of places through historical iconography. The second step will be the survey with traditional techniques and with Laser scanner
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/55065
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact