Riconoscimento automatico di forme in archeologia: il caso della necropoli di Sala Consilina