Abruzzo. Tra eremi e tratturi