Francesco Salata e il fascismo