Oggetto di questa ricerca sono gli elementi introduttivi delle frasi interrogative parziali nella Toscana delle origini. Ogni forma è collocata all'interno di una categoria tenendo conto della sue funzioni generali (p. es.: forme che interrogano sulla qualità, sulla causa, sulla quantità, ecc.). All'interno di ciascun gruppo queste forme sono confrontate tra loro a due a due (per esempio: che/quale, chi/cui, quanto/come, ecc.). Lo scopo è quello di verificare volta a volta le aree di effettiva sovrapponibilità funzionale, semantica e pragmatica di ciascuna coppia.

Forme interrogative nella Toscana del Due- Trecento

LAUTA, Gianluca
2002

Abstract

Oggetto di questa ricerca sono gli elementi introduttivi delle frasi interrogative parziali nella Toscana delle origini. Ogni forma è collocata all'interno di una categoria tenendo conto della sue funzioni generali (p. es.: forme che interrogano sulla qualità, sulla causa, sulla quantità, ecc.). All'interno di ciascun gruppo queste forme sono confrontate tra loro a due a due (per esempio: che/quale, chi/cui, quanto/come, ecc.). Lo scopo è quello di verificare volta a volta le aree di effettiva sovrapponibilità funzionale, semantica e pragmatica di ciascuna coppia.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
interrogative06112012.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 4.39 MB
Formato Adobe PDF
4.39 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/3251
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact