Il volume propone una “navigazione” fra autori e di concetti – produzione/consumo; lavoro astratto e concreto; immaginario collettivo e, soprattutto, sistema complesso – tentando di mettere a fuoco un oggetto – l’industria culturale – e di delinearne contemporaneamente una nuova prospettiva di studio, fondata sulla contestualizzazione di approcci e teorie nel quadro dello sviluppo storico delle tecnologie e degli apparati della comunicazione. Il lavoro di divide in cinque sezioni – 1) L’uomo, l’ambiente, la cultura; 2) Il tempo e la storia; 3) Un nuovo ambiente, una nuova cultura; 4) Produzione e consumi; 5) Due o tre cose che so di lei – che partono da aspetti epistemologici e di metodo storiografico e li accostano ai temi della communication research e del pensiero critico sull’industria culturale e la comunicazione mediale. Attraverso le cinque introduzioni, si delinea un percorso di lettura e di ricerca teso a individuare una definizione del concetto di “industria culturale” e un “metodo” capace di rendere ragione della sua strutturazione storica e delle sue dinamiche economico-sociali. Testi di: T.W. Adorno, R. Aron, A. Asor Rosa, J.M. Barbero, R. Barthes, W. Benjamin, M. Bloch, P. Bourdieu, F. Braudel, W. Buckley, P. Burke, L. Chevalier, G. Durand, U. Eco, M. Eliade, N. Elias, P.Fabbri, L. Febvre, C. Ginzburg, E. Hobsbawm, S. Kern, P.F. Lazarsfeld, J. Le Goff, C. Levi Strauss, G. Lipovetsky, J. Lotman, N. Luhman, H.I. Marrou, K. Marx, U. Maturana, M. Mc Luhan, R. K. Merton, A. Moles, E. Morin, L. Mumford, W. J. Ong, P. Perrot, B. Uspenskij, H. von Foerster, R. Williams, C. Wright Mills.

Per una storia dell’industria culturale

STAZIO, Marialuisa
1992

Abstract

Il volume propone una “navigazione” fra autori e di concetti – produzione/consumo; lavoro astratto e concreto; immaginario collettivo e, soprattutto, sistema complesso – tentando di mettere a fuoco un oggetto – l’industria culturale – e di delinearne contemporaneamente una nuova prospettiva di studio, fondata sulla contestualizzazione di approcci e teorie nel quadro dello sviluppo storico delle tecnologie e degli apparati della comunicazione. Il lavoro di divide in cinque sezioni – 1) L’uomo, l’ambiente, la cultura; 2) Il tempo e la storia; 3) Un nuovo ambiente, una nuova cultura; 4) Produzione e consumi; 5) Due o tre cose che so di lei – che partono da aspetti epistemologici e di metodo storiografico e li accostano ai temi della communication research e del pensiero critico sull’industria culturale e la comunicazione mediale. Attraverso le cinque introduzioni, si delinea un percorso di lettura e di ricerca teso a individuare una definizione del concetto di “industria culturale” e un “metodo” capace di rendere ragione della sua strutturazione storica e delle sue dinamiche economico-sociali. Testi di: T.W. Adorno, R. Aron, A. Asor Rosa, J.M. Barbero, R. Barthes, W. Benjamin, M. Bloch, P. Bourdieu, F. Braudel, W. Buckley, P. Burke, L. Chevalier, G. Durand, U. Eco, M. Eliade, N. Elias, P.Fabbri, L. Febvre, C. Ginzburg, E. Hobsbawm, S. Kern, P.F. Lazarsfeld, J. Le Goff, C. Levi Strauss, G. Lipovetsky, J. Lotman, N. Luhman, H.I. Marrou, K. Marx, U. Maturana, M. Mc Luhan, R. K. Merton, A. Moles, E. Morin, L. Mumford, W. J. Ong, P. Perrot, B. Uspenskij, H. von Foerster, R. Williams, C. Wright Mills.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
per una storia della industria culturale_new.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 5.8 MB
Formato Adobe PDF
5.8 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11580/3250
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
social impact